L’unica vera causa delle malattie

L’unica vera causa delle malattie
by Matt Traverso

 

All’inizio dell’800 Isaac Jennings, Dottore in Medicina, iniziò una rivoluzione silenziosa nel campo della sanità quando si accorse che semplicemente cambiando il proprio stile di vita si potevano così ottenere RISULTATI ECCELLENTI.

Il Dr. Jennings, dopo aver esercitato come medico tradizionale per 20 anni senza ottenere alcun risultato significativo, un giorno d’estate del 1815 durante un’epidemia si ritrovò senza medicinali, e non poté quindi prescrivere alcun trattamento ai pazienti che si erano a lui con ogni genere di sintomo.

Tutto quello che disse loro fu di andare a casa, riposare e bere molti liquidi.

E cosa accadde? Sorpresa, sorpresa… queste persone guarirono, SENZA ALCUN FARMACO!

Così dopo aver praticato per lungo tempo la medicina “ufficiale”, egli decise di abbandonare pillole, impiastri e polveri per esplorare un nuovo campo: vent’anni di esperienza lo avevano infatti portato a fidarsi sempre meno dei sistemi curativi farmacologici e sempre più invece dei mezzi e dei poteri della vita.

Iniziò così a trattare i suoi pazienti dando loro soltanto pillole di pane e acqua colorata. Incoraggiato dai primi successi egli prese a curare nello stesso modo patologie sempre più gravi e complesse.

I risultati furono eccellenti: i suoi pazienti guarirono in tempo record rispetto ai pazienti che invece prendevano medicinali.

Infine, dopo quindici anni di successi senza farmaci gettò la maschera: i suoi amici medici rimasero sorpresi, alcuni suoi pazienti lo denunciarono come impostore per essere stati ingannati ma la maggioranza di essi – benché confusa dal trucco (farmaco placebo) usato per guarirli – lo incoraggiò a continuare, dicendogli: “Se lei può curare senza medicine allora è il nostro medico”.

Il Dr. Jennings continuò dunque il suo lavoro, affermando che il sistema basato sui farmaci era sbagliato perché questi ultimi – invece di curare la gente – in realtà ostacolavano la guarigione o cambiavano la malattia originaria in malattia da farmaci (malattia iatrogena). Elaborò quindi un modello terapeutico in cui la malattia è un’unità e le manifestazioni della stessa (sotto forma di febbri, eruzioni cutanee, tosse, diarrea, ecc…) non sono altro che sforzi della natura per liberarsi dalla tossiemia.

L’Università Yale gli conferì una laurea ad honorem come riconoscimento del grande successo che ottenne sostituendo le pillole con i placebo.

Malattia (intesa come corredo sintomatologico) è invece il tentativo del corpo di ritrovare la salute, una scelta vitale e fisiologica finalizzata alla guarigione.

 

Non c’è alcuna forza curante al di fuori del corpo.

Dr. Isaac Jennings

 

Ricorda, non potrai mai far star bene il tuo corpo se lo avveleni.

 

Venticinque anni in cui ho prescritto farmaci e 33 anni in cui non ne ho prescritti mi hanno fatto arrivare alla conclusione che i farmaci sono inutili e nella maggior parte dei casi dannosi, e questo è per tutti coloro che vogliono conoscere la verità.

John H. Tilden, Dottore in Medicina (1940)

 

Ecco come ci si ammala:

in sintesi, quando le nostre abitudini di vita permettono all’organismo di raggiungere un crescente stato di intossicazione, l’energia vitale si abbassa in modo inversamente proporzionale e gli organi di eliminazione smettono di funzionare normalmente; aumentando ulteriormente l’accumulo di scarti nel corpo. Ed è proprio quando questi accumuli oltrepassano il punto di tolleranza che l’organismo va in crisi. Per compensare questa eccedenza di sostanze tossiche il corpo reagisce, provocando quella che viene definita malattia.

Il corpo umano è una creazione meravigliosa, che brucia costantemente carburante, elimina gli scarti della combustione e ricostruisce continuamente i tessuti sostituendo le cellule morte con delle nuove.

Di fatto ogni sette anni ogni cellula nel tuo corpo viene sostituita, il che significa che dopo un periodo di sette anni diverse centinaia di chili di cellule morte devono essere eliminate. Di per sé questo sarebbe un enorme dispendio di energie per il tuo corpo.

In più, a causa della mancanza di riposo o di acqua, o solo cercando di digerire “l’IMPOSSIBILE” (le classiche “porcherie”), per non parlare degli effetti nocivi di una semplice abbuffata, crei un’enorme quantità di prodotti di scarto che il corpo gestisce con fatica.

Quando il tuo corpo viene sovraccaricato sono di più le tossine che entrano che quelle che vengono eliminate.

L’accumulo delle tossine che si verifica quando il corpo non riesce più ad eliminarle correttamente ne compromette l’integrità, e questo perché al corpo manca l’energia necessaria per eliminare le sostanze tossiche. Ricorda, per eliminare le tossine serve energia.

 

La malattia è causata da una “carenza di forza” (ovvero mancanza di energia).

Dr. Isaac Jennings

 

Tuttavia il corpo deve proteggere i suoi organi vitali ad ogni costo (il cervello e il cuore), quindi uno dei primi processi ad essere interrotto è quello di eliminazione delle tossine, che – purtroppo – iniziano così ad accumularsi (“tossiemia”).

Quando il tuo corpo è saturo apre una valvola di sicurezza per rilasciare le tossine, attraverso uno qualsiasi dei 4 canali di eliminazione:

1. la pelle, 2. i polmoni e il tratto respiratorio, 3. l’intestino e il colon, 4. le vie urinarie. Questa valvola di sicurezza è ciò che comunemente definiamo malattia (il tentativo del corpo di espellere le tossine).

In effetti tutte le malattie sono “crisi di guarigione”, cioè un tentativo da parte del corpo di liberarsi dalle tossine in eccesso. La malattia è la manifestazione del tentativo di auto-guarigione del corpo, è l’azione che compie per eliminare i veleni.

Usiamo un po’ di buon senso ora. Se prendessi un veleno e lo mettessi in circolazione nel tuo sangue, il tuo corpo risponderebbe cercando di buttar fuori questo veleno il più velocemente possibile per salvaguardare l’integrità del sistema, attraverso uno dei canali di eliminazione disponibili, provocando quindi tosse, vomito, febbre, acne, sudore, diarrea, ecc.

Il tuo corpo userà ogni briciola di energia che ha a disposizione per espellere il veleno dal sistema. Potrai quindi avvertire mal di testa, un’abbassamento di energia, dolori articolari, insonnia, affaticamento, problemi ai reni, convulsioni, eruttazione, irritazioni, ecc.

Domanda: conosci una qualsiasi malattia che non presenti questi sintomi?

 

Secondo me la malattia, per quanto dannosi gli agenti che la causano, non è altro che un energico tentativo della natura di eliminare le sostanze patogene e guarire il paziente.

Thomas Shydenham, Dottore in Medicina

 

Ma, invece di lasciare che il corpo elimini le sue tossine, interrompiamo questo processo con i farmaci, immettendo in questo modo altre tossine nel sistema per cui, anziché assecondare il processo di pulizia, lo chiamiamo MALATTIA e cerchiamo di interromperlo il prima possibile! Eliminando i sintomi, interferiamo con la naturale capacità di autoguarigione del corpo.

Il corpo quindi non solo sta lottando contro un carico sempre maggiore di tossine “normali”, ma si ritrova ora a dover affrontarne altre: i medicinali che il tuo farmacista ha nel suo arsenale di armamenti anti-sintomi. Quindi… CIÒ CHE NOI CHIAMIAMO “MALATTIA” È IN REALTÀ

“LA CURA”!

Siamo stati tutti così condizionati a pensare secondo i canoni del sistema dominante della medicina allopatica che è molto difficile accettare l’idea che i sintomi delle malattie siano effettivamente il tentativo di autoguarigione del corpo.

La malattia, anche se può avere un effetto più o meno guastante, resta sempre e comunque uno sforzo del corpo per liberarsi della tossiemia, poiché se così non fosse morirebbe. Quindi secondo quest’ottica si può dire paradossalmente che la malattia in effetti viene per guarire. L’unica vera malattia è invero la tossicosi.

In conclusione

  • Il corpo umano ha dentro di sé il potere di guarirsi (senza farmaci).
  • La base da cui si sviluppa ogni malattia è un accumulo di tossine che il corpo non è riuscito ad espellere attraverso i suoi 4 canali di eliminazione.
  • La ragione per cui il corpo non riesce a disintossicarsi correttamente è la carenza di energia causata dallo stress, da uno stile di vita non sano e/o maltrattamento del corpo (in particolare attraverso scelte sbagliate in fatto di cibo, iperalimentazione, assunzione di tossine farmaci compresi, ecc.).
  • Quello che noi chiamiamo malattia è in realtà lo sforzo che il corpo fa per liberarsi dalle tossine, ossia il suo tentativo di guarirsi (le reazioni più comuni sono, tra le altre, febbre, mal di testa, eruzioni, muco, tosse, vomito e infiammazione).
  • L’assunzione di farmaci va ad aggiungersi alle cause della malattia e ne aggrava la situazione, poiché per il corpo umano sono dei veleni (acidi), e quindi nocivi.

La causa principale delle molte cosiddette malattie dell’uomo è da ricercarsi in quelle attività che prosciugano la forza vitale del nostro corpo, le abitudini quindi che tolgono energia al nostro corpo. Di conseguenza la SOLUZIONE DEFINITIVA alle nostre malattie è UNA CORREZIONE DELLE ABITUDINI DI VITA.

Non esistono “pillole magiche” (farmaci) per raggiungere una buona salute.

Uno stato di salute ottimale deriva dal rispettare alcune semplici leggi naturali; ossia fare le giuste scelte quotidianamente.