La Legge dell’Attrazione

La Legge dell’Attrazione
by Matt Traverso

 

La fisica quantistica ha dimostrato che tutto ciò che eseiste nell’universo è energia. Viviamo in un universo di energia che dà forma a tutto ciò che esiste. Questo significa che le cose che crediamo essere solide – una macchina, una poltrona, questo libro – sono, a livello quantico, impulsi e informazioni di energia. Se osserviamo una sedia attraverso un microscopio ad alto potenziale, noteremo che c’è molto più spazio che materia solida. Infatti, se togliessimo tutto lo spazio dal mondo, potremmo mettere l’intero pianeta su un cucchiaino da caffè! Il 99% della nostra struttura atomico-molecolare di come siamo adesso è diversa da come eravamo due anni fa. Tutto è in continuo mutamento, riorganizzazione, evoluzione. E tutto l’universo continua a fluire e a trasformarsi. Prima prende una forma, poi ne prende un’altra, ma non rimane mai statica. Tutto quello che vediamo e sentiamo è in uno stato di continuo cambiamento. Infatti, il CAMBIAMENTO è l’unica cosa che esiste nell’universo e di cui, paradossalmente, ne siamo certi. Tutto è un continuo fluire, “panta rei” diceva Eraclito.

Nessun uomo può bagnarsi nello stesso fiume per due volte, perché né l’uomo né le acque del fiume sono gli stessi. Eraclito

Tutto il mondo è un enorme flusso perenne, nel quale nessuna cosa è mai la stessa poiché tutto si trasforma ed è in una continua evoluzione. Ogni cosa nell’universo – da un pensiero a una montagna, da un elettrone a una stella – è in uno stato di continua vibrazione. I livelli di vibrazione variano, le vibrazioni più intense le chiamiamo frequenze più alte. Le pietre, le piante, le persone, la terra è tutta energia che vibra a frequenze diverse.

La Forza del Pensiero

Il pensiero è una delle forme più potenti di energia. Questo significa che i nostri pensieri sono cose. Ogni pensiero crea una vibrazione, un impulso di energia che entra a far parte del cosmo. La fisica quantistica ha dimostrato che la realtà è costituita da onde di energia, che rispondono direttamente ai nostri pensieri. Quando si pensa a qualcosa, quel pensiero è concreto, come il libro che stai tenendo in mano adesso. La Legge dell’Attrazione, divulgata in questi ultimi anni dai film “What the Bleep” e “The Secret”, dice che le cose che vibrano alla stessa frequenza si attirano tra di loro, e le cose che non vibrano alla stessa frequenza si respingono. Due gocce d’acqua si attirano l’un l’altra e si uniscono in una. Una goccia d’olio e una d’acqua si respingono perché hanno vibrazioni diverse. Il simile attira il simile. Questo avviene tramite il principale strumento della creazione, e cioè il pensiero. La Bibbia afferma: “Come un uomo pensa così, è”. Noi non siamo ciò che pensiamo di essere. Ciò che pensiamo… siamo. Quando pensiamo pensieri positivi, attiriamo persone e circostanze positive. Quando pensiamo pensieri negativi, attiriamo persone e situazioni negative. I nostri pensieri possono attrarre i nostri sogni o le nostre paure. Se pensi abitualmente ai tuoi sogni, li attirerai. Se pensi abitualmente alle tue paure, attirerai le cose che temi. Se passiamo il 90% del tempo a pensare a quello che non vogliamo, avremo un’abbondanza di ciò che non vogliamo. Se pensiamo continuamente a ciò che vogliamo, lo attireremo nella nostra vita. Allo stesso modo, possiamo respingere la negatività pensando positivamente. Se riuscissimo davvero a comprendere l’immane potere dei pensieri, non penseremmo mai un pensiero negativo. La nostra realtà è il riflesso dei nostri pensieri dominanti. I nostri pensieri ci hanno portato esattamente nel luogo e nella situazione in cui ci troviamo adesso. La ricchezza e la miseria, così come la tristezza e la gioia,  sono il frutto dei nostri pensieri. I pensieri sono i colori, che ognuno di noi sceglie per dipingere il quadro della propria vita. James L. Allen, autore del celebre libro: ‘Come pensa un uomo’, rimase molto infatuato dall’antica filosofia, che un individuo diventa ciò che pensa, che la vita di una persona è l’espressione esteriore dei suoi pensieri interiori. Ricondusse questa filosofia all’Upanisad, la letteratura sacra dell’Induismo: ‘L’ uomo diventa ciò che pensa’. Lo ritrovò negli scritti di Buddha: ‘Siamo quello che pensiamo. Tutto ciò che siamo, deriva dai nostri pensieri. Con i nostri pensieri plasmiamo il nostro mondo”; e nelle riflessioni di Marco Aurelio: “La tua vita è come la rendono i tuoi pensieri”. Ritrovò la stessa idea negli insegnamenti di Confucio, Aristotele, Socrate, Cristo, Maometto e molti altri. Tutti i più grandi maestri di ogni epoca hanno affermato questa semplice verità: la vita di una persona è il risultato dei suoi pensieri interiori. Bisogna, però, imparare ad usare sia la mente conscia sia inconscia, in sinergia, come se fosse una squadra di calcio.

Ma cosa s’intende per Inconscio?

L’inconscio è un formidabile e magnifico centro di potenza. É la parte quantica o spirituale che c’è dentro di noi e alcuni lo chiamano “spirito.” La mente inconscia si esprime attraverso emozioni, sensazioni e intuizioni. Non ha limiti, se non quelli creati dal condizionamento del passato e dalla mente conscia. E’ il dono più magnifico che abbiamo: un tesoro di enormi potenziali. L’ inconscio è attivo in ogni cellula del corpo. Prova a fare questo esperimento: incomincia a muovere il braccio destro con un movimento circolare. Mentre fai questo esercizio, sappi che questo movimento tu lo stai facendo inconsciamente. É infatti, impossibile muovere consciamente e armoniosamente i 157 muscoli che ci sono dalla spalla al polso. E’ un compito troppo complicato per la mente orchestrare tutti questi muscoli. Il tuo inconscio riceve semplicemente la direzione: “Muovi il braccio destro in circolo” e la esegue. La mente conscia ha dato il comando di muovere il braccio, ma è stato l’inconscio che l’ha eseguito. Questo processo avviene migliaia di volte durante il giorno. La tua mente conscia è la mente con cui pensi attivamente e deliberatamente tutto il giorno. E’ tutto ciò di cui sei consapevole, in un determinato momento. Per esempio, in questo momento probabilmente sei consapevole del libro che stai leggendo, forse sei anche consapevole del contatto del tuo corpo con la sedia, poltrona o letto su cui sei accomodato. La mente conscia ha le sue funzioni, ma è estremamente limitata nella sua capacità operativa. La stragrande maggioranza dei messaggi e delle informazioni sensoriali vengono perfettamente monitorate e gestite dalla parte inconscia; cose come la sensazione della respirazione, il contatto dei vestiti sulla pelle, la pressione dell’orologio sul polso, il suono o il silenzio dell’ambiente circostante, l’intensità della luce, la temperatura, i colori della stanza in cui ti trovi, gli oggetti o le persone che ti stanno intorno in questo momento, etc. In ogni istante della tua vita, la parte inconscia del tuo cervello è consapevole e controlla tantissime cose, che accadono fuori e dentro di te. Possiamo pensare alla mente inconscia, come se fosse un bambino di 7-9 anni che ci vuole tanto bene. La sua funzione è di preservare l’organismo e di prendersene cura.

Il comandante e l’equipaggio

L’analogia che usiamo spesso nei seminari è quella del comandante di una nave e del suo equipaggio. A bordo di una nave in navigazione, chi è al comando? Il comandante, ovviamente. Ma chi fa andare avanti la nave? L’equipaggio. É utile pensare alla relazione tra la parte conscia e quella inconscia della mente come il rapporto che c’è tra il comandante e l’equipaggio. Nel codice della navigazione, ad esempio, cosa succede quando l’equipaggio perde rispetto nei confronti del comandante? C’è l’ammutinamento. Questo è ciò che spesso accade nella vita delle persone. Il “comandante” dice: “Voglio fare un sacco di soldi!” Tuttavia, se a un livello inconscio nutre della rabbia verso i ricchi, oppure ha paura di cosa significherebbe avere tanti soldi, oppure ha un senso di colpa che associa all’idea di fare tanti soldi, oppure ha delle false associazioni o delle credenze limitanti tipo: “I soldi e la felicità non vanno bene insieme…” Beh, allora con quanta congruenza raggiungerà il suo obiettivo? Molto poca. Si ritroverà col 10 per cento del suo potenziale volto verso il suo obiettivo e il rimanente 90 per cento in tutt’altra direzione. Questa incongruenza è purtroppo uno dei problemi più grandi che le persone hanno nella loro vita. Inoltre, questo fenomeno avviene in qualsiasi contesto. Per esempio, una persona potrebbe dichiarare di volere una bella relazione. Però, se, a un livello inconscio, questa persona ha poca autostima o una rabbia che proietta verso il partner, avrà sicuramente grandi difficoltà ad avere e mantenere la relazione. Nel quantum coaching si opera molto a livello inconscio; proprio perché sappiamo che tutti i cambiamenti avvengono a livello inconscio. Per esempio, se hai mai cercato di fare un cambiamento consciamente, ti sarai reso conto dell’inefficacia di questo approccio. Questo perché il tuo 10 per cento voleva cambiare, ma l’altro 90 per cento non voleva. Ti sarà, comunque, anche capitato di riuscire a fare dei cambiamenti, senza quasi neppure pensarci, e scommetto che, in quelle situazioni, il cambiamento è stato automatico e veloce; quando questo accade, è perché il cambiamento è avvenuto a livello inconscio. Il cambiamento è immediato e diventa subito parte integrante della tua persona. Pensa, ad esempio, a tutti quei comportamenti che facevi in passato, ma che oggi non ci penseresti neppure a farli. Perché? Perché sei cambiato. Hai un’identità diversa. Hai fatto questi cambiamenti a livello inconscio, e in modo congruente. Questo è il tipo di cambiamento, che ci interessa. Ogni volta che la mente conscia si sofferma su un pensiero, l’ inconscio incomincia a metterlo in atto. Il nostro inconscio si comporta in sintonia con il nostro modo di pensare abituale. Essendo puramente imparziale, è disposto ad adottare qualsiasi abitudine come se fosse ‘normale’, sia essa buona o cattiva. Ogni momento, senza farci caso, lasciamo entrare nella nostra mente pensieri negativi, poi ci meravigliamo quando questi pensieri trovano espressione nelle relazioni e situazioni quotidiane. Sebbene possano esserci cose, che accadranno indipendentemente da noi, la maggior parte di ciò che accade è il risultato dei pensieri, che abbiamo pensato e delle scelte che abbiamo fatto finora, sia consciamente sia inconsciamente. In altre parole, se semini e curi il tuo giardino, esso fiorirà, produrrà frutti e le cose che coltivi. Se non coltivi il tuo giardino, allora gli animali, il vento e altri fattori permetteranno a una varietà di elementi di finirci dentro, producendo una abbondanza di erbacce che soffocheranno le piante utili. Una cosa è certa: qualcosa nel tuo giardino crescerà.

Il Potere che c’è in noi

Ma cosa siamo veramente? Ricapitoliamo un attimo. Guardandoci al microscopio, cosa vediamo? Vediamo che siamo fatti di molecole. Osservando più profondamente… scopriamo che queste molecole sono fatte di atomi. Esaminando più attentamente, vediamo che questi atomi sono costituiti da protoni, neutroni ed elettroni – particelle elementari “danzanti”, che ballano una danza cosmica. Ma, andando ancora più in profondità…  non c’è più materia, solo energia. Tutto è fatto di energia. Noi inclusi. Se ogni cosa nell’universo è energia – o “Dio” o “Coscienza Superiore” o “Ordine Divino”, per coloro che preferiscono usare termini spirituali – noi, allora, ne siamo parte integrante. Così come lo è una pietra, un animale, un albero e tutti i pianeti, che orbitano nello spazio. Così anche noi siamo energia pura, ma con una differenza. Noi siamo consapevoli di noi stessi. Questa consapevolezza ci permette di dirigere i nostri pensieri, determinando così le esperienze, che viviamo nella nostra vita. Perché, come abbiamo già detto, I PENSIERI SONO COSE. E ciò che pensiamo – buono o cattivo – lo attiriamo. La nostra vita è letteralmente la creazione della nostra mente.

Immaginazione e Emozione

Stiamo sempre creando immagini mentali, sia che noi lo vogliamo o meno – questo è il modo in cui la mente pensa. PENSIERI (IMMAGINI) + EMOZIONI = ATTRAZIONE Le emozioni sono potenti: sono la PORTA D’ACCESSO al nostro inconscio. Il modo più efficace per comunicare all’inconscio è, infatti, attraverso l’intensità emotiva. E l’inconscio è il vero potere dietro ogni successo. Un buon obiettivo dovrebbe spaventarci un po’ e STIMOLARCI TANTO! Un obiettivo, che ci stimola poco, non ci aiuterà a manifestarlo molto in fretta. Ma, se pensiamo a un obiettivo che ci accende, ci appassiona, ci entusiasma… che ci fa piangere dalla gioia, perché è così elettrizzante; adesso sì che stiamo potenziando i nostri pensieri e sfruttando la legge dell’attrazione. Se i nostri pensieri sono la macchina che ci porta al nostro obiettivo, le nostre emozioni sono la benzina che dà potenza alla macchina. Quindi, il modo più efficace per usare la legge dell’attrazione è: sperimentare mentalmente ed EMOTIVAMENTE la realtà che vogliamo manifestare ADESSO, utilizzando la propria IMMAGINAZIONE per vedersi nella situazione desiderata. Sentire il piacere di aver raggiunto i propri desideri, sentirsi pieno di fiducia e certezza, e vedrai che presto li manifesterai. La tua immaginazione regna sovrana nella tua vita. La legge dell’attrazione e la legge della vibrazione sono in sostanza la stessa legge. Possiamo soltanto attrarre le cose, che sono in armonia con la nostra vibrazione interna. Non possiamo attrarre nella nostra vita qualcosa che non sia in armonia con ciò che siamo. Quindi, se vogliamo più amore, più ricchezza, migliori relazioni, allora dobbiamo creare quell’immagine nella nostra testa e focalizzarci su qull’immagine, creando così il tipo di vibrazione, che attirerà quel tipo di risultati nella tua vita. Un tipo di energia attira energia simile. Tutto ciò che vogliamo, è già intorno a noi: dobbiamo soltanto entrare in armonia con la realtà, che vogliamo manifestare. Per fare questo, dobbiamo sviluppare una immagine ben definita ed elettrizzante del mondo, in cui vogliamo vivere. Avremo successo soltanto con una visione che ci riempie di PASSIONE. Usare la legge dell’attrazione è il modo più rapido per avvicinarsi ai propri desideri e avere il successo che si desidera. Funziona un po’ come una scorciatoia: Pensa e immagina la felicità e il successo che desideri e lo avrai. Tuttavia, se una persona ha difficoltà a focalizzarsi sui propri desideri (a causa di paure, dubbi o credenze limitanti), allora è necessario rivedere la propria mappa del mondo e “riscrivere” il proprio manuale delle regole.